Febbraio 2024

Ad Alessandro Franceschini il Premio intitolato a Kyle Phillips

Alessandro Franceschini è il vincitore dell’edizione 2024 del Premio Kyle Phillips, il premio giornalistico organizzato da ASET Toscana e intitolato al giornalista americano scomparso prematuramente.

Ad Alessandro Franceschini il Premio intitolato a Kyle Phillips

È avvenuta mercoledì 14 febbraio, a Firenze, in occasione dell’inaugurazione di PrimAnteprima, l’evento di apertura della Settimana della Anteprime del vino toscano 2024, la cerimonia di consegna del “Premio Kyle Phillips 2023”, il riconoscimento che Aset (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) ha istituito nel 2014 per ricordare l’amico e collega prematuramente scomparso.

Il premio è destinato al giornalista di settore che, attraverso articoli e servizi pubblicati nel corso dell’anno, a giudizio dei giornalisti associati ad Aset abbia meglio rappresentato il modo di fare informazione a 360° che fu di Kyle Phillips: mancanza di pregiudizi, costante curiosità professionale, serenità di giudizio, voglia di esplorare, franchezza, brillantezza nello scrivere e sobrietà nel comportamento.

Quest’anno il premio è stato assegnato ad Alessandro Franceschini, giornalista free lance che si occupa da anni dell’informazione nel mondo del vino, della grande distribuzione e dell’ortofrutta. È direttore del magazine ViniPlus di Lombardia (AIS Lombardia) nonché collaboratore per testate di settore come Pambianco Wine & Food, Civiltà del Bere e Myfruit. Docente al Master della Scuola di Comunicazione dell’Università̀ IULM di Milano, in passato ha collaborato con la guida ai ristoranti del Touring Club e con la guida vini de L’Espresso. Coautore del libro “Il vino naturale. I numeri, gli intenti e altri racconti”, è vice curatore della Guida Vini di Vignaioli Artigiani.

“Ho conosciuto Kyle Phillips, al quale è intitolato il premio” scrive Franceshini su Linkedin “e ho un ricordo vivo del suo modo di porsi, di intendere la professione e confrontarsi con i colleghi: serio, mai sopra le righe, sereno. Mi sentivo in grande sintonia con quell’approccio e, quindi, ricevere un premio che porta il suo nome e viene assegnato a chi si ispira al suo modo di lavorare è davvero un grande onore.

Aset Toscana è un organismo indipendente, che si propone di scegliere selettivamente i propri associati e di offrire loro quanto un esercizio consapevole  della professione oggi richiede: fungere da punto di riferimento, offrire servizi e opportunità formative, creare occasioni di incontro e reciproca conoscenza. Aset collabora con istituzioni, enti, consorzi ed altri soggetti attivi nella complessa realtà del mondo enogastroagroalimentare.