person_outline
search

Champagne alla Bottega del Vino di Dogliani

La Bottega del Vino di Dogliani lancia un doppio appuntamento di studio sullo champagne con la sommelier Monica Coluccia, co-autrice della guida “Le Migliori 99 Maison di Champagne”

La Bottega del Vino di Dogliani prosegue nella presentazione di eventi dedicati alla scoperta dei vini e delle denominazioni, nel desiderio di diventare un punto di riferimento nella cultura del vino, aperto non solo a chi con il vino lavora ma soprattutto a curiosi ed appassionati.

Situata nelle cantine sotterranee dell’ex-convento dei Carmelitani e risalente al XVI secolo, sotto il Municipio e a fianco della Chiesa dei SS. Quirico e Paolo, nel cuore di Dogliani, nel corso dell’estate 2017 la Bottega del Vino è stata protagonista di importanti lavori di ristrutturazione, a seguito dei quali è oggi al centro di un’importante operazione di rilancio. L’obiettivo è far (ri)scoprire l’immenso patrimonio enologico, culturale ed architettonico racchiuso tra queste mura, dove si raccolgono i vini e la storia di 45 produttori distribuiti in 20 comuni intorno a Dogliani, ed attrarre consumatori e winelovers attraverso un fitto calendario di attività mirate alla cultura del territorio e a un intenso senso di appartenenza.

Il programma delle attività comincia con due laboratori di degustazione sugli champagne di piccoli produttori artigianali di grande qualità, che si terranno il 15 giugno e il 6 luglio nei locali della Bottega. Accompagnerà i seminari con approfondimenti e degustazioni la sommelier Monica Coluccia, co-autrice della guida “Le Migliori 99 Maison di Champagne”.

Il nostro desiderio è quello di richiamare non solo gli appassionati ma anche i produttori della zona che si stanno indirizzando verso il mondo dei vini spumanti, poter fare insieme una riflessione osservando le produzioni di altre zone viticole prestigiose del mondo” precisa Anna Maria Abbona, produttrice a Farigliano e Presidente della Bottega del vino di Dogliani, al cui rilancio ha dato un forte impulso.

Il primo laboratorio proposto, dal titolo “IL SENSO DEL CHIAROSCURO”, si terrà il 15 giugno alle ore 21. Consiste nell'assaggio di 9 Blanc de Noirs, gli Champagne a base Pinot Noir e Pinot Meunier, uve che portano in dote allo Champagne i caratteri di carnosità e sensualità senza rinunciare al "chiaroscuro", una sensazione più da vivere che da raccontare. “Buio e luminosità, intensità e carisma sono i valori che andremo a cercare nei Blanc de Noirs ma che più facilmente ci verranno incontro con spontaneità” precisa la Vice Presidente della Bottega, la produttrice Nicoletta Bocca, grande appassionata di champagne, che si è molto prodigata per l’organizzazione delle due serate. In degustazione gli champagne di Flavien Nowack, Marie Courtin, Michel Furdyna, Fleury, Benoit Lahaye, Vouette & Sorbée, Laherte Frères, Marie-Noelle Ledru, Savart.

“LA LUCE FATTA VINO” sarà invece il tema del secondo laboratorio, previsto per il 6 luglio: un piccolo viaggio attraverso l'assaggio di 9 Blanc de Blancs, per arrivare a comprendere i caratteri di eleganza, finezza e purezza a cui può arrivare lo Chardonnay, base autorevole e storica per i più raffinati Blanc de Blancs. Lo Chardonnay in Champagne è un impeccabile lettore di terroir, capace di trasferire nello Champagne caratteri minerali diretti e incisivi, lasciando intatti quelli di pulizia e freschezza, anche nelle versioni più "personali". In degustazione gli champagne di Piollot Père & Fils, Glavier, Diebolt-Vallois, Larmandier-Bernier, Agrapart, Barrat Masson, Mouzon-Leroux, Pascal Doquet, Ruppert-Leroy.

I posti sono limitati e la prenotazione necessaria. Per informazioni telefonare dalle 12.00 alle 20.00 in bottega al 0173 742260 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

×