“Di deroga in deroga”, l’editoriale di Michele Antonio Fino