Economia e Diritto

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Economia e Diritto

L’innovazione passa anche dall’etichetta

Di Mario Deltetto Dicembre 2019

Il mondo enologico è sempre stato fortemente orientato al prodotto e gli sforzi di viticoltori ed enologi si sono finora concentrati principalmente sugli aspetti tecnici della produzione ed in misura decisamente minore su variabili come la comunicazione e il marketing. Il clima economico contemporaneo richiede però un’inversione di tendenza, la globalizzazione e le nuove tecnologie (tablet e smartphone) stanno rivoluzionando il modo di comunicare e di consumare. Tale situazione ha avuto e sta avendo delle ripercussioni sulla fruizione del prodotto enologico.

Leggi l'articolo

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Economia e Diritto

Cliente che non paga vince?

Di Monica Pisciella Gennaio 2020

Il problema dei tempi di riscossione dei crediti da parte dei produttori è conosciuto e ricorrente ormai da tempo. I venti di crisi che si sono abbattuti sui mercati internazionali a partire dal 2008 hanno reso ancora più complessa e spinosa la questione, tanto da evidenziare un meccanismo che appare non più sostenibile nel lungo termine. Ma come si è arrivati fin qui, a tempi di pagamento che in alcuni casi arrivano a un anno e oltre? Per non parlare di quando, nella peggiore delle ipotesi, i produttori perdono del tutto i soldi. E, soprattutto, esistono delle soluzioni, un modo per modificare questa consuetudine così deleteria?

Leggi l'articolo

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Economia e Diritto

L’Enoteca Italiana di Siena e il vento della crisi

Di Andrea Cappelli Dicembre 2019

L’Enoteca Italiana di Siena, istituzione pubblica unica nel suo genere nel nostro Paese, fu fondata nel 1960 quale strumento operativo dell’Ente Mostra Mercato Nazionale dei Vini a Denominazione d’Origine e di Pregio, istituito, a sua volta, nel 1933 e riconosciuto con Decreto del Presidente della Repubblica nel 1950. Fu infatti proprio nell’agosto del 1933 che a Siena fu organizzata la “prima mostra-mercato dei vini tipici d’Italia”, che negli anni successivi ebbe un tale successo da arrivare a richiamare nella città toscana oltre 100mila persone, rendendo siena “capitale del vino in Italia”, per poi nel 1966 emigrare a Verona e trasformarsi nell’attuale Vinitaly, che vanta oggi oltre 4mila espositori e 150mila visitatori provenienti da 60 nazioni di tutto il mondo.

Leggi l'articolo

Articolo non disponibile online Acquista o abbonati

Economia e Diritto

Wine and the City

Di a cura della Redazione Gennaio 2020

Dopo l’articolo di Katrin Walter dedicato al vino a Berlino su Millevigne n. 2/2011 continuiamo a parlare di vino e città, con la seconda parte dell’intervista a Oscar Farinetti, che parla di Torino e di New York. La prima parte dell’intervista, incentrata sul vino GIA’ , è stata pubblicata su Millevigne Newsletter, il nostro quindicinale telematico, nel mese di aprile.

Leggi l'articolo